Danilo Maccioni

cosa eravamo, cosa siamo, cosa saremo

Seleziona la lingua

Linguaggi disponibili: 3 Linguaggio corrente: Italiano

Testo di esempio per l'interfaccia di selezione della lingua. Scegli la tua linga fra le N presenti. Lingua attuale. La selezione della lingua riguarda le interfacce e non i contenuti. Per le traduzioni dei contenuti è necessario che siano stati predisposti dall'autore.

Trascrizione dei canti – i metodi

Raccogliere i canti dei Cantori Salesi è un operazione non semplice, primo perché purtroppo le occasioni di partecipare ai loro incontri sono limitate dalle distanze e dai mezzi per raggiungerle; in secondo luogo gioca il fattore linguistico. Sono nato ed ho vissuto la maggior parte della mia vita in Piemonte, ma le mie origini sono diverse e di conseguenza lo è anche la “madrelingua” acquisita nell’ambiente familiare. Trascrivere i canti dunque non è una cosa immediata, deve assolutamente passare da un filtro che ne vagli la correttezza. I metodi di cui mi avvalgo sono tre.

Primo metodo: consultazione bibliografica

Cercare i canti sui libri di riferimento. I libri in questione, sono principalmente i tre qui citati (nel caso siate a conoscienza di altre possibili fonti bibliografiche, vi pregeherei gentilmente di segnalarmele):

Canti e tradizioni popolari

Canti e tradizioni popolari, Amerigo Vigliermo

Canti e tradizioni popolari, Amerigo Vigliermo

Autore: Amerigo Vigliermo
Titolo: Canti e tradizioni popolari – Indagine sul Canavese
Editore: Priuli & Verlucca
Anno di pubblicazione: 1974

Amerigo rappresenta il cuore dell’etnologia canavesana. Questo suo testo raccoglie molti canti e testimonianze della vita nel Canavese. Si trova in vendita a cifre astronmiche: a me capita spesso di prenderlo in prestito alla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, che ne possiede una copia.


Canavese che canta

Canavese che canta, Amerigo Vigliermo

Canavese che canta, Amerigo Vigliermo

Autore: Amerigo Vigliermo
Titolo: Canavese che canta
Editore: Priuli & Verlucca
Anno di pubblicazione: 1986

Questo è il mio ultimo arrivo (9 aprile 2013), bramato a lungo… Poi un giorno cercando su Internet, ne ho trovato una copia in vendita nella mia città ad un prezzo onesto e sono corso a prenderlo: certe occasioni è meglio non lasciarsele passare davanti! Su internet se ne trovano pochissime tracce, tant’è che io l’ho conosciuto più tardi rispetto al volume del ’74, vedendolo maneggiare in un occasione al Maestro dei Cantori Salesi.


Canti popolari del Piemonte

Canti popolari del Piemonte, Costantino Nigra

Canti popolari del Piemonte, Costantino Nigra

Autore: Costantino Nigra
Titolo: Canti popolari del Piemonte
Editore: vari (ultimo Einaudi)
Anno di pubblicazione: vari (ultimo 2009)

Trattando di tutto il Piemonte risulta sicuramente più conosciuto. Essendocene differenti edizioni, qui il prezzo potrebbe variare sensibilmente a seconda di quella scelta. Di questo libro Google ha fatto una scansione completa, convertendola in vari formati (potete reperire la pagina relativa all’indirizzo http://www.archive.org/details/cantipopolaride01nigrgoog o direttamente i file scaricabili a quest’altro http://ia600404.us.archive.org/29/items/cantipopolaride01nigrgoog).


Secondo metodo: Internet

Spesso si fatica, in alcuni casi non si reperiscono i canti piemontesi (o comunque del Canavese), magari si trovano versioni di altre parti dell’Italia che per lo meno fanno capire il senso del canto ed il suo contenuto. C’è da tenere presente che lo stesso canto può variare versi da paese a paese, quindi gioca sempre un ruolo fondamentale l’interpretazione del canto “dal vivo”.

Il terzo metodo: riscontro diretto

Di solito è quello che uso meno: consiste nell’interpellare direttamente i cantori. Questo perché mi rendo conto che le mie azioni possono essere percepite come invasive. Sono capitati momenti di dialoghi, ma in genere mi limito a registrarli durante l’esecuzione per avere la possibilità di riascoltare le parti meno chiare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: