Le strade ferrate, cantori salesi

Adés ch’as custüma le strade ferrate,
poche giornate in Piemonte si va, si va, si va.
Poche giornate in Piemonte, in Piemonte si va.

In Piemonte si va e si trova l’amante,
sotto le piante l’amore si fa, si fa, si fa.
sotto le piante l’amore, l’amore si fa.

L’amore si fa, l’amor si faria,
anima mia consola sto cuor, ‘sto cuor, sto cuor.
Anima mia consola, consola ‘sto cuor.

Consola ‘sto cuor, consolalo bene,
da queste pene mi voglio levar, levar, levar.
Da queste pene mi voglio, mi voglio levar.

Adés ch’as custüma la gala ‘s la testa,
giorno di festa la voglio anche mi, anche mi, anche mi.
giorno di festa la voglio, la voglio anche mi.

Adés ch’as custüma di prender marito,
l’anello al dito lo voglio anche mi, anche mi, anche mi.
l’anello al dito lo voglio, lo voglio anche mi.

Adés ch’as custüma di prender lo sposo,
fresco gioioso lo voglio anche mi, anche mi, anche mi!
fresco e gioioso lo voglio, lo voglio anche mi.

Fresco e gioioso lo voglio, lo voglio anche mi.

~
Versione trascritta da “Canavese che canta“, pagina 69
Canto registrato dai cantori salesi ed inserito nel disco “30 anni di Cantori Salesi”, traccia 10