Adelina, cantori salesi

Adelina, Adelina mia sposa diletta
vieni a spasso nel mio giardino
che io sono, che io sono il tuo sposino
lasciami almeno, lasciami almeno una notte a dormir

Lei dormiva, lei dormiva tra le mie braccia
ogni tanto si risvegliava
le sue pene, le sue pene mi raccontava
e poi tornavasi, e poi tornavasi addormetà

Sotto l’albero, sotto l’albero fiorito
riposava la mia oibella
l’innocente, l’innocente tortorella
sei la più bella, sei la più cara nel fare l’amor

Undici ore, undici ore son già suonate
s’avvicina la mezzanotte
buonasera, buonasera felice notte
andiamo a letto, andiamo a letto a riposar.