Danilo Maccioni

cosa eravamo, cosa siamo, cosa saremo

Seleziona la lingua

Linguaggi disponibili: 3 Linguaggio corrente: Italiano

Testo di esempio per l'interfaccia di selezione della lingua. Scegli la tua linga fra le N presenti. Lingua attuale. La selezione della lingua riguarda le interfacce e non i contenuti. Per le traduzioni dei contenuti è necessario che siano stati predisposti dall'autore.

Un piccolo boccone, un grande sapore

La pasta di mandorle (badem ezmesi) richiede una difficile preparazione ma ha un gusto unico. È così delizioso che non sarete in grado di dimenticarlo – o trovarne una valida alternativa.

Benché sia composto da pochi ingredienti, la pasta di mandorle è difficile da realizzare in casa perché ci sono passaggi essenziali che necessitano di adeguate capacità.

Il nostro suggerimento a tal proposito è di acquistarlo direttamente da abili pasticcieri, che abbiano alle spalle anni di esperienza nella sua produzione – Edirine è uno dei primi luoghi che viene alla mente quando si parla di questa pasta di mandorle. Anche se le sue origini sono ignote, si ipotizza che i turchi abbiano appreso di essa dal popolo Ebraico in fuga dalla Spagna nel 1492 e stabilitosi ad Edirine, in cerca di rifugio dall’Impero Ottomano. Un’altra ipotesi è che fu ideata dai persiani e successivamente introdotta in Europa dai turchi.

Le sue origini saranno pure incerte, ma il sapore della pasta di mandorle è indiscutibile.

Dove:

Emporio ARMAGGAN Nuruosmaniye, quinto piano
Strada Nuruosmaniye, 41
Nuruosmaniye / Istanbul

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: